DM è il periodico – divenuto quadrimestrale nel 2008 – pubblicato dalla UILDM a partire dal 1961. Dopo tanti anni, esso continua ad essere un giornale di dibattito e di servizio che informa e fa discutere sui principali temi sociali e scientifici.

Se infatti le notizie “interne” all’associazione editrice e alle sue Sezioni occupano sempre diverse interessanti pagine del giornale, numerosi spazi si configurano come una vera e propria tribuna aperta alle varie “voci” della disabilità.

Particolarmente prestigiose sono le interviste o le opinioni di importanti ospiti della politica, della cultura, della scienza o dello sport, alle quali seguono momenti di “servizio” in senso più stretto, su temi quali gli ausili per persone con disabilità, le iniziative contro le barriere architettoniche, la scuola, l’università, il lavoro, la legislazione.

Qui si alternano contributi di analisi critica e racconti di esperienze personali, per portare alla luce sia il panorama generale delle varie tematiche, sia i vari “modelli” di volta in volta realizzati dalle persone con disabilità e dai loro familiari.

La ricerca

Una dozzina di pagine di DM – il settore Scienza&Medicina – sono poi regolarmente riservate alla ricerca scientifica e comprendono le più aggiornate notizie mediche, dall’Italia e dall’estero, nel campo delle malattie neuromuscolari e genetiche.

Vi è spazio anche per reportage dai vari convegni scientifici, per schede monografiche di taglio divulgativo e per interviste a personaggi di particolare prestigio nel settore.

I grandi disegnatori

Uno spazio a sé, infine, meritano Le grandi vignette di DM, che nel corso degli anni hanno raccolto l’adesione, tra gli altri, di disegnatori celebri come Altan, Bozzetto, Bucchi, Caviglia, Chiàppori, Giannelli, Marcenaro, Mordillo, Quino, Silver, Staino, Vettori o dei compianti Cavandoli, Jacovitti e Luzzati, per un totale di circa cinquanta creazioni inedite realizzate in esclusiva per il giornale, tutte dedicate al tema della disabilità.

Diffusione e target

20.000 copie su tutto il territorio italiano: questa è la diffusione di DM.

I lettori sono persone con disabilità e loro familiari, medici, ricercatori, operatori del settore socio-sanitario, simpatizzanti della UILDM in genere. Una buona diffusione è garantita anche presso gli enti pubblici, le aziende sanitarie locali e le scuole.

Il direttore responsabile di DM è Claudio Arrigoni e il direttore editoriale Anna Mannara. Non avendo pubblicità al proprio interno – per scelta editoriale – la rivista viene finanziata interamente dall’Associazione.

Ultimo aggiornamento: 19 ottobre 2016