Una giornata di doni reciproci

IMG-20170530-WA0039Tanti abbracci e coccole di cioccolata.

È quello che hanno ricevuto i ragazzi di 6 scuole di Camerino e della provincia di Macerata.

Oggi nel Centro culturale Benedetto XIII di Camerino si è svolto l’incontro tra l’Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare e 250 studenti dell’Istituto comprensivo “U. Betti”. Ad accompagnarli Valerio Valeriani, Coordinatore dei tre Ambiti sociali, Simone Giangiacomi e Bruno Premilcuore, presidenti delle Sezioni UILDM di Ancona e di Pesaro Urbino, il direttore dell’Istituto comprensivo Maurizio Cavallaro e l’assessore ai Servizi sociali del comune di Camerino Antonella Nalli. L’evento si è aperto con un concerto dei ragazzi, che hanno allietato i presenti con melodie e canti.

A seguire, in contemporanea nel Centro culturale e nelle altre 5 scuole della provincia di Macerata coinvolte nel progetto, la proiezione del video “Giocando si impara” di UILDM, al quale è stata dedicata la recente Giornata Nazionale dell’associazione per rendere accessibili e inclusivi i parchi gioco italiani. foto premilcuore e simoneAl termine il momento più dolce e atteso dai golosi: la consegna della cioccolata UILDM. «È stata un’esperienza meravigliosa. – racconta, emozionato, Simone Giangiacomi - Mi sono sentito abbracciato dai bambini. All’inizio si avvicinavano alla mia carrozzina con curiosità e un po’ di timore, ma subito tutto si è trasformato in una grande festa. È stato un momento importante perché abbiamo riflettuto sul tema della disabilità e dell’accettazione della diversità». Aggiunge Bruno Premilcuore: «Da nonno mi sono sentito sciogliere nell’abbraccio dolce di questi bambini. Sono felice perché siamo riusciti a portare un sorriso nella loro vita». Stamattina sono state distribuite circa 6.500 tavolette UILDM. Altre 3.300 verranno regalate nei prossimi giorni agli ospiti dei centri diurni e comunità per persone con disabilità, e residenze per anziani. «È stata una giornata di doni reciproci: UILDM ha donato cioccolata e un pensiero speciale a questi bambini colpiti dal terremoto. I bambini hanno ricambiato con la musica, un linguaggio potente che supera barriere e differenze. Insieme abbiamo vissuto un’esperienza di comunità, dove tutti stanno bene se si ascoltano i bisogni di ciascuno.– commenta Valerio Valeriani - Il video “Giocando si impara” ci ha permesso di comprendere che ci sono bisogni diversi, accessibilità, inclusione, serenità, ma un unico obiettivo: permettere a ciascun bambino di esprimere quello che è, e ciò che porta dentro di sé». (a.p.)

Ritratto di admin

Margaret

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut at vulputate sem, at efficitur nibh. Aliquam sit amet nulla vel ipsum ornare commodo a a purus